ELISABETTA DEJANA

ELISABETTA DEJANA

Nata a Bologna, Elisabetta Dejana ha conseguito la laurea in Scienze Biologiche presso l'Università di Bologna, specializzandosi poi all'Istituto di ricerche farmacologiche Mario Negri di Milano.

Ha svolto il suo post-doc all'Università Mc Master di Hamilton in Ontario. Prima di rientrare in Italia e partecipare alla fondazione del Centro FIRC di Oncologia molecolare di Milano, Elisabetta Dejana ha anche diretto un'Unità INSERM al Centro di energia nucleare di Grenoble in Francia.

Attualmente è professore ordinario di Patologia generale presso l'Università di Milano e coordina un gruppo di 20 persone all'Istituto FIRC di Oncologia molecolare (IFOM).

Elisabetta Dejana è esperta nello studio dei meccanismi che regolano lo sviluppo del sistema vascolare. Recentemente ha studiato una malattia genetica che induce malformazioni vascolari nel cervello chiamate cavernomi cerebrali. Con il suo gruppo di lavoro la ricercatrice ha individuato il meccanismo attraverso cui queste malformazioni si formano e sta lavorando per identificare una terapia che possa prevenire la loro formazione o indurne la regressione.

 

Come spesso succede con le cose che ci appassionano, le motivazioni razionali per cui ho scelto di dedicarmi alla ricerca si mescolano a quelle emotive. La comprensione dei meccanismi che regolano il funzionamento del corpo umano e la possibilità di comprendere e curare malattie importanti è per me un aspetto profondamente coinvolgente.

Ricercatore

Aiutaci anche tu, dona ora

Le ultime notizie

immagine-anteprima-news
Mi chiamo Leslie e sono il papà di due bambini gravemente malati: Cathal, di 4 anni, e Ciaran, di 2 anni. Entrambi hanno la leucodistrofia metacromatica, una malattia genetica che distrugge il sistema nervoso ed è fatale entro i 5 anni. Questa malattia provoca la morte più crudele che ci sia. Cat...
immagine-anteprima-news
Un prelievo di sangue alla nascita che può letteralmente salvare la vita: è lo screening neonatale, un prezioso strumento di salute pubblica di cui l’Italia ha deciso di dotarsi fin dal 1992 e che nel 2016 è stato allargato a oltre 40 malattie metaboliche. Per legge dai primi anni ‘90 tutti i ne...
immagine-anteprima-news
Siamo abituati ad associare la parola “raro” a qualcosa di straordinario, a volte anche a qualcosa di prezioso. Quando però questo aggettivo è associato alla parola “malattia” sopraggiunge la paura e spesso anche il disagio. Ma ogni singolo malato raro è parte di quel grande insieme che oggi con...

Dona ora

Sostenendo Telethon attraverso una piccola donazione, con il tuo contributo potrai dare una speranza concreta a chi lotta contro una malattia genetica

Newsletter

Ti piacerebbe ricevere aggiornamenti sulle storie, le attività e gli eventi della Fondazione Telethon? Iscriviti alla nostra newsletter