DANA BRANZEI

DANA BRANZEI

Nata a Iasi (Romania) nel 1974, Dana Branzei si è laureata in scienze farmacologiche presso l’Università Tohoku (Sendai-Giappone), dove ha poi conseguito il dottorato di ricerca in biologia molecolare nel 2004.

Dal 2008 è Principal Investigator (PI) e coordina un gruppo di 6 persone presso l’Istituto FIRC di Oncologia Molecolare (IFOM) di Milano. Il suo interesse di ricerca è lo studio dei meccanismi cellulari della replicazione e riparazione del DNA. Grazie al supporto di Telethon attualmente Dana Branzei sta cercando di comprendere la causa delle coesinopatie, malattie genetiche associate a ritardo mentale, dello sviluppo e a varie malformazioni di mani, gambe ed ossa.

Sono sempre stata meravigliata dal mistero della vita ed ho sempre voluto conoscere i principi che la rendono possibile. Come ricercatore approccio i problemi con un cuore speranzoso ed in cerca di risposte. Mi piace verificare e provare nuovi scenari, cercare l’essenza delle cose. Non conosco niente che mi renda più soddisfatta

DANA BRANZEI Ricercatore

Aiutaci anche tu, dona ora

Le ultime notizie

immagine-anteprima-news
Non siete soli. È questo il messaggio che XLPDR International Association Onlus, tra le Associazioni Amiche di Fondazione Telethon, ha scelto di trasmettere nel documentario “Pensavo di essere diverso”. Un corto a cura del regista Kemal Comert, in cui le immagini si fondono con le parole con una ...
immagine-anteprima-news
Quando si decide di far procedere la propria esistenza lungo le direttrici della solidarietà e dell’altruismo è comprensibile desiderare che questo tracciato possa proseguire all’infinito, oltre ogni umana esperienza. Il lascito può darci, in questa prospettiva, serenità e gioia di vivere, anche ...

Dona ora

Sostenendo Telethon attraverso una piccola donazione, con il tuo contributo potrai dare una speranza concreta a chi lotta contro una malattia genetica

Newsletter

Ti piacerebbe ricevere aggiornamenti sulle storie, le attività e gli eventi della Fondazione Telethon? Iscriviti alla nostra newsletter