COSIMA T. BALDARI

COSIMA T. BALDARI

Nata nel 1953 a Roma, Cosima Baldari si è laureata in Scienze biologiche presso l'Università di Roma La Sapienza.

Dopo un post-doc in Germania, presso il Laboratorio europeo di biologia molecolare di Heidelberg, è rientrata in Italia. Attualmente Cosima Baldari coordina un gruppo di ricerca presso il dipartimento di Scienze della vita dell'Università di Siena e studia i difetti del sistema immunitario che sono alla base di una rara malattia genetica, l'immunodeficienza comune variabile.

«È bello sentirsi parte di un gruppo di ricerca, con cui condividere non solo le soddisfazioni, ma i tanti piccoli e grandi problemi giornalieri. Spesso gli esperimenti non funzionano, e ci vuole tempo e pazienza per capire il perché e trovare soluzioni adeguate. Tutto procede meglio quando si mettono insieme risorse intellettuali e competenze sperimentali. E dalla piccola comunità del gruppo di ricerca si passa, a livello più ampio, alla comunità scientifica internazionale. Questo è uno dei punti chiave che ho imparato durante molti anni di impegno nella ricerca scientifica: le grandi scoperte nella stragrande maggioranza dei casi sono il risultato di un lavoro di squadra, dove ognuno porta il proprio contributo che, per quanto piccolo, sarà uno dei pezzi essenziali che completare il puzzle. E quindi dalla motivazione iniziale, quella di un’attività intellettualmente stimolante, si passa ad una motivazione con una valenza più elevata, quella dell’utilità del proprio lavoro e quella dell’appartenenza ad una comunità».

«È bello sentirsi parte di un gruppo di ricerca, con cui condividere non solo le soddisfazioni, ma i tanti piccoli e grandi problemi giornalieri. Spesso gli esperimenti non funzionano, e ci vuole tempo e pazienza per capire il perché e trovare soluzioni adeguate. Tutto procede meglio quando si mettono insieme risorse intellettuali e competenze sperimentali. E dalla piccola comunità del gruppo di ricerca si passa, a livello più ampio, alla comunità scientifica internazionale. Questo è uno dei punti chiave che ho imparato durante molti anni di impegno nella ricerca scientifica: le grandi scoperte nella stragrande maggioranza dei casi sono il risultato di un lavoro di squadra, dove ognuno porta il proprio contributo che, per quanto piccolo, sarà uno dei pezzi essenziali che completare il puzzle. E quindi dalla motivazione iniziale, quella di un’attività intellettualmente stimolante, si passa ad una motivazione con una valenza più elevata, quella dell’utilità del proprio lavoro e quella dell’appartenenza ad una comunità».

CATERINA BENDOTTI Ricercatore

Aiutaci anche tu, dona ora

Le ultime notizie

immagine-anteprima-news
La Sclerosi Laterale Amiotrofica è una malattia rara neurodegenerativa che oggi nel nostro Paese colpisce circa 6000 persone. Ma la ricerca non si ferma.AriSLA (Fondazione Italiana di ricerca per la SLA) inaugura il nuovo anno annunciando i progetti vincitori della Call for Projects 2017: il deci...
immagine-anteprima-news
Come tanti bambini Clara nasce prima del termine, ma non è questo a preoccupare mamma Melany e papà Massimo. I suoi valori di glicemia sono troppo bassi e quella che sembra una simpatica smorfia nel fare la linguaccia è in realtà un’anomalia che si chiama macroglossia. Le rassicurazioni dei pedi...

Dona ora

Sostenendo Telethon attraverso una piccola donazione, con il tuo contributo potrai dare una speranza concreta a chi lotta contro una malattia genetica

Newsletter

Ti piacerebbe ricevere aggiornamenti sulle storie, le attività e gli eventi della Fondazione Telethon? Iscriviti alla nostra newsletter