ANGELO POLETTI

ANGELO POLETTI

Nato nel 1959 a Borgomanero (NO), Angelo Poletti si è laureato in Chimica e tecnologie farmaceutiche all'Università di Milano, specializzandosi poi in Endocrinologia sperimentale.

Dopo tre anni di ricerca presso il dipartimento di Biologia cellulare e molecolare del Baylor College of Medicine di Houston (Usa), Angelo Poletti è rientrato definitivamente in Italia, ottenendo anche il dottorato di ricerca in Scienze endocrinologiche e metaboliche.

Attualmente Angelo Poletti ricopre il ruolo di professore straordinario di Biologia applicata presso la facoltà di Farmacia dell'Università di Milano, dove coordina un gruppo di ricerca dedicato allo studio delle basi molecolari di due diverse malattie neurodegenerative che colpiscono i motoneuroni: la forma familiare di sclerosi laterale amiotrofica (Sla) e l'atrofia muscolare spinale e bulbare (Sbma). Le due malattie presentano caratteristiche cliniche simili e meccanismi neurotossici comuni: sono infatti dovute entrambe all'espressione di proteine mutate che tendono ad aggregarsi all’interno delle cellule.

Aiutaci anche tu, dona ora

Le ultime notizie

immagine-anteprima-news
Articolo tratto dal Telethon Notizie 4-2017. Di Donato Ramani Immaginate un’efficientissima équipe microchirurgica, così piccola da poter entrare nelle nostre cellule fino a raggiungere il Dna, proprio lì dove risiede un difetto genetico responsabile di una specifica malattia. Pensate poi alla po...
immagine-anteprima-news
Intervista tratta dal Telethon Notizie 4-2017. Di Donato Ramani «Abbiamo ottenuto dei risultati molto importanti grazie a una tecnica che potrebbe rappresentare il futuro della terapia genica». Ricercatore dell’Istituto San Raffaele-Telethon, premiato come giovane ricercatore emergente a fine 201...

Dona ora

Sostenendo Telethon attraverso una piccola donazione, con il tuo contributo potrai dare una speranza concreta a chi lotta contro una malattia genetica

Newsletter

Ti piacerebbe ricevere aggiornamenti sulle storie, le attività e gli eventi della Fondazione Telethon? Iscriviti alla nostra newsletter