Neuropatie ereditarie sensorie autonome di tipo IV e V

Che cosa sono e come si manifestano le neuropatie ereditarie sensorie autonome di tipo IV e V?

La neuropatia ereditaria sensoria autonoma di tipo IV (HSAN4), chiamata anche insensibilità al dolore con anidrosi, e la neuropatia ereditaria sensoria autonoma di tipo V (HSAN5) sono malattie ereditarie caratterizzate da insensibilità al dolore e al calore, comportamenti automutilanti ed episodi febbrili. La malattia ha inizio nella prima infanzia e si manifesta con febbri episodiche e convulsioni ricorrenti. Di frequente la cute diventa spessa e callosa, i capelli cadono e le unghie si deformano. Man mano che l’insensibilità al dolore aumenta, aumentano anche gli episodi di automutilazione. I pazienti affetti dalla forma di tipo IV, inoltre, vanno incontro ad assenza di sudorazione (anidrosi) e possono avere problemi alle ossa e alle articolazioni, ritardo dello sviluppo, difficoltà di apprendimento, irritabilità, iperattività e tendenza ad arrabbiarsi. Rispetto alla forma di tipo IV, i pazienti affetti dalla forma V presentano una sudorazione normale e non hanno problemi dal punto di vista cognitivo.

Come si trasmettono le neuropatie ereditarie sensorie autonome di tipo IV e V?

L’HSAN4 è causata da mutazioni del gene HSAN4, localizzato sul cromosoma 1, mentre L’HSAN5 dipende da mutazioni del gene NGF, il fattore di crescita nervoso, ma i meccanismi sono ancora poco noti. Entrambe le patologie si trasmettono con modalità autosomica recessiva, cioè bisogna ereditare due copie del gene mutato per manifestarne i sintomi. Se quindi in una coppia entrambi i genitori sono portatori sani di una mutazione a ogni gravidanza si ha un rischio del 25% di avere un figlio affetto dalla malattia, il 50% di possibilità di avere un figlio portatore sano e il 25% di avere un figlio sano non portatore.

Come avviene la diagnosi delle neuropatie ereditarie sensorie autonome di tipo IV e V?

La diagnosi si basa principalmente sulle manifestazioni cliniche della malattia, e viene successivamente confermata attraverso test farmacologici e accertamenti neurologici.

Quali sono le possibilità di cura attualmente disponibili per le neuropatie ereditarie sensorie autonome di tipo IV e V?

Non esiste una cura specifica ed efficace per queste malattie. I trattamenti si concentrano sull’attenuazione dei sintomi, e comprendono il controllo degli episodi febbrili, la prevenzione dell'automutilazione e il trattamento dei problemi ortopedici. È molto importante il supporto alle famiglie, per fare fronte ai problemi comportamentali e a quelli educativi.

Cerchi informazioni sulle malattie genetiche? Scrivi ai nostri genetisti

INFORMATIVA ai sensi dell art.13 del D.Lgs. 196/2003
I dati personali e sensibili verranno registrati e custoditi in un database informatico della Fondazione Telethon, quale Titolare del trattamento dei dati, al fine di costruire e mantenere per ciascuno utente una scheda rintracciabile, da consultare in caso di futura richiesta da parte dello stesso utente. Il conferimento dei dati è facoltativo, ma il rifiuto comporta l’impossibilità di dar luogo a tale finalità.
I dati non verranno diffusi, ma potranno essere comunicati a soggetti incaricati, all'interno della Fondazione Telethon, con le modalità previste dalla normativa.
Potrà esercitare tutti i diritti previsti all’art.7 del d.lgs.196/2003, facendone richiesta al Titolare del trattamento – Fondazione Telethon, Piazza Cavour, 1 – 20121 - Milano, nella persona del Responsabile dell’Ufficio Filo diretto con le Malattie Genetiche.

DICHIARAZIONE DI CONSENSO AL TRATTAMENTO DEI DATI

Ai sensi dell’art. 23 del d.lgs. 196/2003, preso atto dell’informativa che precede e di quanto previsto all’art.7 d.lgs.196/2003, liberamente decide di dare il consenso Non dare il consenso al trattamento dei dati personali

Le ultime notizie

immagine-anteprima-news
«Un’esortazione da fare alla Fondazione? Sfruttateci di più». Anna Maria Accoto, 39 anni, consulente del lavoro e coordinatrice Telethon per la provincia di Lecce ha energia da vendere, a tal punto da suggerire che il suo ruolo e il suo impegno possano essere “utilizzati” ancora di più per attir...