Nuova iniziativa di P&G, pionieri della responsabilità sociale

Nuova iniziativa di P&G, pionieri della responsabilità sociale

Parte “Fai girare il sorriso”: intervista a Riccardo Calvi, Responsabile della Comunicazione di Procter & Gamble Italia

News dalla raccolta

La ricerca di Fondazione Telethon può andare avanti anche grazie all’impegno di tante aziende che sostengono la raccolta fondi. Tra queste Procter & Gamble Italia, a fianco della Fondazione da diversi anni. che in questi giorni sta lanciando una nuova iniziativa: AZ e Oral-B, infatti, hanno deciso di sostenere la Fondazione Telethon per donare un sorriso ai bambini affetti da malattie genetiche rare. Fino al 30 giugno, acquistando due prodotti AZ e/o Oral-B, in promozione con il volantino recante il logo Telethon, i brand doneranno 20 centesimi alla Fondazione Telethon. Abbiamo sentito Riccardo Calvi, Responsabile della Comunicazione.

Come nasce la vostra collaborazione con Fondazione Telethon?

«Il rapporto nasce tanti anni fa grazie a dei progetti che hanno coinvolto alcuni nostri partner commerciali ed uno che ha invece visto protagonisti i nostri dipendenti: “il mercatino di Natale”. Una iniziativa quest’ultima tanto semplice quanto efficace dove la P&G, insieme alla Fater che è una joint venture paritetica tra P&G ed il Gruppo Angelini e a Fameccanica, donano un certo quantitativo di prodotti che possono essere acquistati dai dipendenti e dalle loro famiglie a prezzi vantaggiosi. Tutto il ricavato va in beneficenza e in questo caso a Telethon».

Ma qual è il significato di “responsabilità sociale” per una multinazionale coma la vostra, quando arriva in un determinato territorio?

«Responsabilità sociale significa comportarsi da buon cittadino aiutando a migliorare la vita di più persone possibile ed il contesto sociale in cui si vive e lavora. In tal senso le aziende possono fare tantissimo. E lo possono fare coinvolgendo i propri partner commerciali in iniziative di solidarietà, coinvolgendo i consumatori che acquistano i prodotti che l’azienda vende, donando qualcosa loro stesse o coinvolgendo i propri dipendenti. P&G ha una storia di responsabilità sociale pioneristica che nasce nel 1987, quindi più di 30 anni fa, con “Dash missione bontà”, un progetto che ha praticamente inventato quello che oggi chiamiamo cause related marketing ovvero iniziative che legano un marchio commerciale ad una causa sociale».

Adesso avete lanciato l’iniziativa @FaiGirareilSorriso…

«È un’iniziativa commerciale molto bella, che coinvolge i marchi AZ e Oral B, nella quale chiediamo alle persone di farsi una foto sorridendo e a testa in giù, e poi di postarla sui social con @FaiGirareilSorriso. E per ogni foto diamo un contributo a Telethon».

Mentre lei mi parla la sento molto coinvolto: quanto paga in termini umani la responsabilità sociale per le persone che fanno un’azienda?

«Paga enormemente. Non c’è cosa migliore di mettere a disposizione se stessi per aiutare chi ha bisogno. Il mio obiettivo personale è sempre stato quello di utilizzare il mio lavoro per poter aiutare gli altri. Un obiettivo che in P&G ho potuto raggiungere perché pienamente condiviso dall’azienda la cui missione è quella di migliorare la qualità della vita delle persone».

 

Scopri tutti i dettagli su www.faigirareilsorriso.it o facebook.it/faigirareilsorriso

Dona ora

Sostenendo Telethon attraverso una piccola donazione, con il tuo contributo potrai dare una speranza concreta a chi lotta contro una malattia genetica

Newsletter

Ti piacerebbe ricevere aggiornamenti sulle storie, le attività e gli eventi della Fondazione Telethon? Iscriviti alla nostra newsletter