La sfida di Fondazione Telethon ai bambini: condividere per #Andarelontano

La sfida di Fondazione Telethon ai bambini: condividere per #Andarelontano

Per il primo giorno di scuola torna la campagna “Andare lontano” per la ricerca sulle malattie genetiche rare

News dalla Fondazione

Cosa farebbe un bambino se scoprisse che donare il proprio giocattolo preferito alla ricerca scientifica potrebbe contribuire a curare un suo compagno di classe? In occasione della campagna di Fondazione Telethon #Andarelontano, è stato realizzato un video, disponibile da oggi sul sito www.andarelontano.it e sul canale YouTube di Fondazione Telethon, che ci mostra proprio come molto spesso i bambini siano più pronti degli adulti a condividere e ad aiutare gli altri.

I protagonisti del video sono i veri compagni di classe di Giorgio, un bambino di 8 anni con una malattia rarissima di cui si conoscono solo 8 casi al mondo, che è stato possibile diagnosticare grazie al programma Malattie Senza Diagnosi di Fondazione Telethon. Agli amici di Giorgio è stato chiesto di portare a scuola il loro giocattolo preferito, quello al quale non rinuncerebbero per nulla al mondo, per donarlo e aiutare il loro compagno. Il video realizzato grazie al coinvolgimento di Ciaopeople, gruppo editore di Fanpage.it, dal forte impatto emozionale e a tratti ironico, sottolinea come a volte anche un semplice gesto di condivisione sia un’importante spinta a informare e sensibilizzare sull’importanza della ricerca scientifica sulle malattie genetiche rare, per dare la possibilità a sempre più bambini di #Andarelontano.

Per scoprire quali sono state le reazioni dei compagni di classe di Giorgio clicca qui.

«La cosa che mi ha più colpito di questo video è stato vedere come i bambini spesso siano molto più generosi degli adulti quando si tratta di aiutare una persona a cui si vuole bene. Per i compagni di classe di Giorgio quella non era una malattia genetica più unica che rara, – ha dichiarato Francesca Pasinelli, Direttore Generale di Fondazione Telethon – si trattava invece, nell’ingenuità e nella spontaneità che solo i bambini possono avere, di una patologia che aveva colpito uno di loro e hanno percepito quanto fosse importante dare il proprio contributo. In questo noi adulti dovremmo prendere ispirazione dai bambini e mettere a fattor comune le nostre risorse, per proseguire il percorso di una ricerca scientifica di eccellenza e trovare sempre più cure e terapie per i bambini con una malattia genetica rara».

Il primo giorno di scuola rappresenta ogni anno per bambini e ragazzi sempre un nuovo inizio: un momento di aspettative e speranze sui nuovi sogni e i nuovi progetti per i mesi a venire. Si tratta di un momento emozionante e sfidante anche e soprattutto per i bambini nati con una patologia genetica rara e per i loro genitori, per i quali #Andarelontano significa crescere, poter andare a scuola, condividere con i compagni momenti di studio e di gioco, e soprattutto avere una concreta opportunità di vita. La campagna #Andarelontano è nata nel 2015 per sensibilizzare sull’importanza di sostenere la ricerca scientifica sulle malattie genetiche rare attraverso un costante impegno, condividendo questo percorso insieme ai ricercatori di Fondazione Telethon che lavorano ogni giorno per dare risposte concrete a questi bambini e alle loro famiglie.

Anche Bofrost, CNH Industrial e NICKY, marchio del Gruppo Sofidel, hanno scelto di essere al fianco della ricerca di Fondazione Telethon, attivandosi per sostenere #Andarelontano. Italo NTV, Sea Milano Airports e Telesia supportano la Fondazione nella promozione dei contenuti della campagna attraverso i rispettivi circuiti di comunicazione interna ed esterna.

 

Scopri il progetto “Andare lontano” per le aziende

Scopri i progetti educativi di Fondazione Telethon

Dona ora

Sostenendo Telethon attraverso una piccola donazione, con il tuo contributo potrai dare una speranza concreta a chi lotta contro una malattia genetica

Newsletter

Ti piacerebbe ricevere aggiornamenti sulle storie, le attività e gli eventi della Fondazione Telethon? Iscriviti alla nostra newsletter