Workshop “L’impatto del video e delle arti creative nella comunicazione interna ed esterna sulle malattie rare”

Workshop “L’impatto del video e delle arti creative nella comunicazione interna ed esterna sulle malattie rare” in collaborazione con FERPI, Federazione Italiana Relazioni Pubbliche e la partecipazione del “Volo di Pegaso” Concorso dell’Istituto Superiore di Sanità e di aziende Farma.

Sabato 2 febbraio nella Sala Kodak dalle ore 10

Una riflessione su come si raccontano le malattie rare all’interno del mondo del Farma, fortemente legato alla comunità dei pazienti rari. La loro visione ha un sicuro impatto sia su chi lavora all’interno delle aziende che sul pubblico esterno e la comunità dei pazienti.

Un confronto con chi ha sempre usato la creatività per raccontare la comunità dei rari. Da questo workshop la giuria FERPI decreterà il vincitore del PREMIO FERPI – USR sulla comunicazione
Modera: Prof. ssa Simonetta Blasi Docente Teoria e Tecniche della Pubblicità e Parlare in Pubblico presso la Facoltà di Scienze della Comunicazione Sociale dell'Università Pontificia Salesiana - FERPI

Presentazioni:

  1. La Giornata delle Malattie Rare – Simona Bellagambi UNIAMO FIMR onlus
  2. Arte e scienza – Il Volo di Pegaso– Dott.ssa Domenica Taruscio
  3. Il contributo dei pazienti – Carlo Shalom Hinterman, Regista
  4. l'importanza dei social nella comunicazione Farma - #rocheperlemalattierare– Benedetta Nicastro, Roche S.p.A.
  5. Coinvolgimento e collaborazione: quando le storie di “pochi” diventano per “molti”- Ilaria Prato, Biogen Italia S.r.l
  6. B-SIDE, La potenza del teatro al servizio della comunicazione sociale – Chiara Loprieno, Sobi Swedish Orphan Biovitrum s.r.l.
  7. Collaborazione tra paziente e creativi, Make to Care – Filippo Cipriani, Sanofi- Genzyme
  8. La ricerca genetica al cinema: l’esperienza di Fondazione Telethon– Annamaria Zaccheddu, Telethon
  9. Rompere gli schemi – Anita Pallara, Famiglie SMA onlus
  10. La formazione nel cinema – Istituto Cine TV R. Rossellini, Dirigente Scolastico Maria Teresa Marano

Ingresso libero fino a esaurimento posti